Lavoriamo sulle relazioni per costruire comunità

“Il CfGC è un centro di ricerca e sviluppo sulla comunicazione che favorisce l’interazione tra conoscenze e competenze provenienti da aree diverse del mondo della ricerca e dell’innovazione per costruire, rafforzare e sviluppare la società, l’economia e la cultura in maniera sostenibile”

* * *

La vision. Dalla comunicazione del prodotto finito alla comunicazione nel prodotto e nel suo uso

Cosa significa? Che la comunicazione ha inizio nel momento stesso in cui un prodotto comincia ad essere progettato, e non solo quando è terminata la sua realizzazione. La strategia di comunicazione di un bene o di un servizio la si imposta già durante la fase della loro produzione (comunicazione organizzativa), fino a diventare strumento per offrire i prodotti all’utenza, e monitorarne l’uso.

Questo vuol dire che interpretiamo la comunicazione come uno strumento per creare e rafforzare comunità d’interessi economici, sociali, culturali; per costruire e potenziare relazioni tra le persone, le imprese e i loro stakeholder. Uno strumento per cogliere bisogni, percepiti o reali che siano, per dare maggiore vigore alle aziende, ad ogni forma di vita associata, alle istituzioni. Per favorire lo sviluppo del territorio, visto non come un’area isolata ma nei suoi rapporti con il mondo intero.

Una comunicazione efficace di beni e servizi è generata da contenuti di qualità.

La mission. Una comunicazione che costruisca convergenze d’interessi e risorse già in fase di progettazione

Il CfGC collabora con imprese, aziende, istituzioni, associazioni che avvertono difficoltà di comunicazione. Fornisce le conoscenze e le competenze necessarie per trovare soluzioni efficaci a problemi che sono espressione di bisogni sociali, economici, culturali e politici.

Il valore aggiunto dell’approccio del CfGC alle problematiche dei suoi committenti è che il Center cerca e trova, nelle realtà complesse su cui è chiamato ad intervenire, non una inestricabile matassa di questioni da risolvere, ma una preziosa e ricca fonte di risorse.

Il CfGC progetta e realizza una comunicazione capace di rafforzare le realtà economico-sociali con le quali collabora: rinegozia relazioni, interazioni e collaborazioni andate perdute nel tempo, riesce a dare più valore a quelle ancora attive, a creare le condizioni necessarie per generare nuove convergenze d’interessi. Fuori, ma anche all’interno di quelle realtà economico-sociali che ne richiedano la consulenza.

Il CfGC fa ricerca sull’innovazione a stretto contatto con i bisogni delle imprese, delle istituzioni, delle cittadine e dei cittadini

Il CfGC è un centro di ricerca, formazione e Terza missione dell’Università di Firenze che si autofinanzia completamente attraverso i propri progetti.

I progetti del CfGC nascono sempre dall’ascolto dei bisogni, dal confronto con le istituzioni e con il tessuto socio-economico del territorio.

Le nostre ricercatrici e  i nostri ricercatori studiano per rispondere a bisogni reali, discutono i problemi con i diretti interessati, offrono soluzioni concrete in collaborazione con altri partner scientifici e professionali, con i quali cooperano strettamente facendo rete.

La filosofia del CfGC è che la ricerca e  la formazione non si svolgono all’interno di laboratori e di aule chiuse alle voci, alle richieste di chi si aspetta risposte dall’Università. Ma si sviluppano fuori dalla cittadella universitaria,  ovunque, sul territorio, emergano problematiche che necessitano di ricerca e di innovazione.


La ricerca al Centro: ridefinire il rapporto fra ricerca, produzione e bisogni socio-culturali

Qual è il tratto distintivo delle nostre indagini? Dei nostri studi? Il fatto che il CfGC sia un luogo d’incontro fra soggetti diversi – ricercatori, esperti, imprenditori, cittadine e cittadini – che cercano insieme soluzioni a problemi reali, emergenti dalla quotidianità sociale, economica, culturale, impegnandosi con passione sia sul fronte della ricerca di base sia su quello della ricerca applicata.

In quest’ottica transdisciplinare, orientata ai bisogni percepiti e non, il Centro avvia e sostiene progetti mettendo insieme, in maniera efficace e proficua, da un lato, il mondo della ricerca e della formazione e, dall’altro, i soggetti che operano nella società, nell’economia, nella politica, nella cultura, ridefinendo il rapporto tra scientia e usus: ovvero, tra saperi e capacità di intervenire sulla realtà.