• Animare le statue

    Talo è una delle creature mitiche nate da Efesto

    Animare gli oggetti, in particolare quelli di forma umana, è una pratica che risale ai culti antichi, probabilmente originatasi ancor prima della comparsa della civiltà. Secondo la teurgia egizia, babilonese e greca era possibile far risiedere un dio all'interno di una statua, così da poter avere uno scambio diretto con esso...Leggi di più

  • Le ancelle d’oro di Efesto

    Efesto nella sua officina

    La mitologia greca presenta numerose creature realizzate come se fossero oggetti per poi essere animate dalla scintilla divina. Efesto forgia sia delle ancelle d'oro che lo aiutano nel lavoro nella sua fucina, sia il gigante Talo, una statua di bronzo animata e posta a difesa di Creta...Leggi di più

  • Pigmalione nelle Metamorfosi di Ovidio

    Pigmalione si innamora della propria creazione e le dà vita

    Tra i miti presenti nelle Metamorfosi di Ovidio si annovera anche quello di Pigmalione, scultore che si innamora perdutamente della sua creazione, tanto da chiedere l'intervento degli dei al fine di renderla una donna vera...Leggi di più

  • Il Golem

    Il golem è una creatura mitologica ebraica appartenente alla cultura rabbinica medioevale. Secondo la tradizione, la materia inerte può essere animata, esattamente come nella Genesi, tramite formule cabalistiche, dando vita ad una creatura dotata di forza sovrumana impiegabile dal rabbino come aiutante...Leggi di più

  • Gli automi arabi

    L'ingegneria araba raccoglie una lunga tradizione che ha origine tra Alessandria d'Egitto e la Grecia

    Gli automi presentati da Al-Jazari nel Libro della conoscenza dei meccanismi ingegnosi sono la testimonianza di una cultura tecnica antica, i cui frutti sono opere ingegneristiche di estrema raffinatezza, generalmente pensate per allietare i banchetti dei principi...Leggi di più

  • L’automa-cavaliere di Leonardo

    Il progetto di Leonardo aveva l'obiettivo di dissuadere i nemici ad attaccare la città

    L'automa di Leonardo da Vinci fu progettato per confondere i nemici durante tentativi di assedio delle città. La scocca dell'automa era infatti un'armatura da cavaliere che, mossa dal meccanismo interno, era indistinguibile da un militare in carne ed ossa se vista da lontano...Leggi di più

  • Gli automi dei giardini barocchi

    I giochi meccanici mossi dall'acqua saranno di ispirazione per Cartesio per riconfigurare la cultura scientifica del corpo umano.

    Nei giardini che in età barocca attorniavano le ville dei signori venivano spesso inseriti automi mossi dalla forza dell'acqua. Le fontane in particolare venivano arricchite con figure animate che servivano a creare stupore negli aristocratici visitatori.  ..Leggi di più

  • Gli automi di Jacques de Vaucanson

    Vaucanson realizzò tre automi che ebbero grande successo

    Jacques de Vaucanson costruì tre automi che segnarono profondamente l'immaginario del tempo. Si trattava di un suonatore di tamburo, un flûteur (flautista) e una papera meccanica in grado di nutrirsi e digerire. Il flûteur stupì particolarmente gli scienziati perché riproduceva il movimento delle labbra e della lingua tipico dei suonatori di flauto traverso...Leggi di più

  • Il turco meccanico di von Kempelen

    Il turco meccanico di von Kempelen era un automa scacchista realizzato per Maria Teresa d'Austria

    Il barone von Kempelen realizzò un automa scacchista in grado di giocare partite perfette contro avversari reali. Durante una tournée in America però fu scoperto il trucco: l'automa era comandato da un uomo nascosto all'interno della scocca...Leggi di più

  • Gli automi della manifattura Jaquet-Droz

    I tre automi ebbero un grande successo di pubblico per tutto il XVIII e XIX secolo

    Gli automi della manifattura svizzera Jaquet-Droz sono tra i più complessi mai realizzati essendo in grado di replicare capacità e movenze umane in modo estremamente accurato: dallo scrivere, al disegnare, al suonare l'organo...Leggi di più

  • Creatura e creatore

    Frankenstein di Mary Shelley è uno dei romanzi che tratta la relazione tra creatura e creatore.

    L'opera di Mary Shelley Frankenstein; or, the modern Prometheus è tutt'oggi considerata una delle vette più alte del romanzo gotico, in quanto in grado da una parte di incidere profondamente sull'immaginario, dall'altra di trattare le più profonde motivazioni dell'essere umano, tra "macchina organica" e libero arbitrio...Leggi di più

  • C’era una volta…

    Le avventure di Pinocchio è una delle narrazioni più autentiche dell'Italia post-unità

    Pinocchio, il burattino protagonista del racconto di Carlo Collodi, passa dall'essere una semplice scultura di legno ad essere un bambino in carne ed ossa, realizzando il sogno del suo creatore. Nel romanzo si riprendono evidentemente topoi antichi, integrandoli con un fitto apparato simbolico appartenente alla fine del XIX secolo...Leggi di più

  • La messa in scena di R.U.R. di Karel Čapek

    La piece teatrale del drammaturgo Karel Čapek segna definitivamente l'immaginario relativo alla servitu automatizzata

    Il termine "robot" acquisisce l'accezione odierna a partire da una piecée teatrale del drammaturgo ceco Karel Čapek, che così chiamò la servitù meccanica presente nella sceneggiatura. In lingua ceca il termine significa "lavoro forzato"...Leggi di più

  • L’androide Maria in Metropolis

    Metropolis presenta il tema dell'androide reso indistinguibile dagli uomini. Addirittura il robot dalle sembianze di donna riesce ad ammaliare gli uomini danzando con vesti succinte, diventando un efficace strumento di dominio per l'élite al potere...Leggi di più

  • Le tre leggi della robotica di Asimov

    Isaac Asimov ha segnato profondamente l'immaginario relativo ai robot grazie ai suoi romanzi.

    I romanzi scritti da Isaac Asimov hanno avuto e continuano ad avere un forte ascendente sugli studi di robotica. Per quanto le sue narrazioni appartengano alla fantascienza, le conoscenze scientifiche dell'autore e la sua affascinante visione del futuro hanno fatto emergere problematiche concrete relative alla diffusione dell'automazione e della robotica, tra le quali la necessità di dotare queste macchine sociali di un codice etico...Leggi di più

  • Robby

    Ne Il pianeta proibito il robot Robby rispetta le tre leggi date da Asimov

    Il robot protagonista del film Forbidden planet (Il pianeta proibito) è il servitore fedele del proprio padrone. È programmato per non infrangere le tre leggi della robotica codificate da Asimov, motivo per il quale sarà completamente messo fuorigioco nel momento decisivo della trama...Leggi di più

  • Il robot antropomorfo in televisione

    L'episodio The Lonely, scritto da Rod Serling, presenta la problematica relativa alla mimetizzazione del robot con gli uomini

    L'episodio The Lonely della serie televisiva americana The Twilight Zone (Ai confini della realtà) si interroga sulla condizione di solitudine estrema che spetta al protagonista e su come la presenza di un androide migliori la sua vita. L'effetto collaterale di questa convivenza tra l'uomo e l'androide sarà l'impossibilità da parte del primo di considerare il secondo una semplice macchina...Leggi di più

  • Unimate: il primo robot industriale

    Il primo robot industriale ideato da George Devol segna l'inizio della realizzazione del sogno

    L'Unimate è considerato il primo robot realizzato: si tratta di un braccio meccanico in grado di svolgere diverse funzioni in perfetta autonomia, velocizzando la produzione industriale. Da questo momento in poi lo sviluppo dei robot industriali e dei service robot avrà concretamente inizio, mettendo in relazione l'immaginario preesistente con la realtà dei fatti...Leggi di più

  • Il primo robot dell’animazione giapponese

    Il Giappone possiede una lunga tradizione di automi e robot di cui i manga e le serie animate sono il frutto più recente

    Tetsujin Nijūhachi-gō è il primo fumetto giapponese che ha per protagonista un robot gigante, trasformato successivamente in una serie televisiva. Lo scontro tra colossi meccanici diventò uno dei soggetti più diffusi sia dei fumetti che delle serie animate giapponesi, diventando un prodotto di grande successo internazionale...Leggi di più

  • Chi ha paura di HAL 9000?

    HAL 9000: il "cattivo" del film è un robot.

    Stanley Kubrick propone un'importante riflessione sul potere dei sistemi automatizzati in 2001: A Space Odyssey (2001: Odissea nello spazio): HAL 9000, il computer umanizzato che gestisce tutta la stazione spaziale si trasforma in uno spietato killer che progressivamente elimina tutto l'equipaggio, ritenendolo non all'altezza della missione...Leggi di più

  • Essere scambiato per un robot

    Nella commedia fantascientifica di Allen è un umano che si traveste da uomo per sfuggire alla cattura

    Woody Allen nel suo celebre film Sleeper (Il dormiglione) è costretto a travestirsi da robot per rimanere in incognito. In realtà il travestimento si rivelerà un'arma a doppio taglio, in quanto la "vita da robot" risulterà estremamente rischiosa per un uomo!..Leggi di più

  • Il primo robot umanoide: il WABOT-1

    La sperimentazione iniziata nel 1970 portò alla realizzazione del primo robot umanoide nel 1973

    Il WABOT-1 è considerato il primo robot umanoide della storia. Sviluppato in Giappone presso l'Università di Waseda, il WABOT-1 era in grado di vedere, ascoltare, parlare, camminare ed afferrare oggetti, oltre a comprendere la propria posizione nello spazio...Leggi di più

  • Una perturbazione nell’immaginario: i robot di Star Wars

    I robot D-3BO e C1-P8

    Nella saga di Star Wars (Guerre Stellari) i robot sono una presenza costante: droidi e androidi affollano gli spazi futuristici in cui la trama si dipana, mostrando caratteri e comportamenti umani. Due robot in particolare saranno a fianco dei protagonisti, aiutandoli nelle loro imprese e rimanendo così nell'immaginario comune...Leggi di più

  • Un immaginario tutto europeo: Io e Caterina

    Io e Caterina è tutt'oggi uno dei pochi film italiani che affronta l'avvento dei robot

    Io e Caterina è stato uno dei pochi tentativi cinematografici italiani di cimentarsi con la tematica dei robot. L'inserviente robotica acquistata dal protagonista si rivelerà gelosa del suo padrone, giungendo all'estremo di utilizzare la sua forza sovrumana per tenerlo sotto scacco...Leggi di più

  • Uomo o replicante?

    Il nocciolo della trama di Blade Runner ruota sulla indistinguibilità tra umani e replicanti.

    Nella pellicola Blade Runner l'antropomorfismo dei robot è mimetico, rendendoli perciò indistinguibili dagli uomini, tanto da essere chiamati "replicanti". Nel gioco di specchi che si instaura tra macchine e uomini il confine tra i due si perde, lasciando nel finale sospeso il dubbio che nessuno dei personaggi coinvolti nella vicenda sia umano...Leggi di più

  • La pubblicità che ha cambiato la storia

    Uno degli spot più influenti della storia della pubblicità è quello relativo alla commercializzazione del Personal Computer di Apple

    Durante il Super Bowl del 22 gennaio 1984, Apple fece trasmettere lo spot realizzato da Ridley Scott per promuovere il primo Personal Computer pensato per il mercato di massa. La simbologia della narrazione, il riferimento al romanzo di Orwell e gli avvenimenti storici di quel periodo resero il breve video un vero e proprio snodo storico della fine del XX secolo...Leggi di più

  • La matrice

    Uno dei film che ha più influenzato l'immaginario relativo al rapporto tra macchine e uomini.

    Nella trilogia di The Matrix l'intera realtà in cui vivono le persone è illusoria: è una sorta di realtà virtuale generata dalle macchine per sfruttare l'energia bioelettrica umana. Nella guerra tra robot e uomini quest'ultimi si battono deliberatamente per riacquisire la propria libertà, nonostante ciò significhi svegliarsi da un sogno per fare i conti con una realtà da incubo...Leggi di più

  • Il robot che vuole diventare uomo

    La trama del film di Columbus è basata sul romanzo di Asimov.

    Bicentennial Man (L'uomo bicentenario) di Chris Columbus ribalta completamente la prospettiva, mettendo al centro un robot maggiordomo che progressivamente si trasforma in un uomo. In realtà il robot si trova a vivere una vita molto più lunga degli umani, vedendo scomparire le persone a lui care...Leggi di più

  • La donna perfetta, sul computer

    La donna perfetta viene creata sul computer dal protagonista.

    Nel film S1m0ne la donna perfetta non è più creata scolpendo la pietra, modellando l'argilla o stendendo il colore: è programmata al computer e vive nella realtà parallela della rappresentazione. Il suo creatore, più che innamorarsene, ne diventa dipendente poiché gode dei frutti del fantasma che ha generato...Leggi di più

  • Un robot contro i robot

    I, robot è tratto da un romanzo di Asimov che reintepreta il tema della rivolta dei robot

    In I, robot (Io, robot) la rivolta delle macchine in realtà è un modo per proteggere l'uomo da se stesso, instaurando un regime gestito da macchine iper-intelligenti, di fatto radicalizzando il codice etico dettato da Asimov. La libertà degli uomini sarà riconquistata per l'appunto grazie all'aiuto di un robot svincolato dai comandi dell'Intelligenza Artificiale centralizzata...Leggi di più

  • Chi ha bisogno di un androide paranoico?

    In Guida galattica per autostoppisti il robot Marvin è affetto da depressione ed è quasi del tutto incapace

    Nel film The Hitchhiker's Guide to the Galaxy (Guida galattica per autostoppisti) l'androide Marvin sembra essere il contrario del robot comunemente immaginato: Marvin è completamente paralizzato dalle sue paranoie, risultando in definitiva uno strumento del tutto inutile...Leggi di più

  • Un robot in casa Disney Pixar

    Il robot protagonista di Wall•E possiede una personalità e una capacità di esprimere sentimenti appartenenti più all’umano che al mondo delle macchine. È proprio la sua capacità empatica che porterà allo scioglimento finale...Leggi di più

  • Peccati di onnipotenza

    In Ex machina il robot in sperimentazione riesce a sedurre e manipolare uno dei due ricercatori, aprendosi una via di fuga dal laboratorio. La perfetta mimetizzazione con l'umano garantita al robot dalla scocca fa sì che l'androide si confonda nella massa di persone di una grande metropoli contemporanea...Leggi di più

  • La prima AI regista

    Sunspiring è stato il primo cortometraggio pensato da una AI e presentato allo Sci-fi Short film 2016. Nonostante la trama non abbia a che fare con i robot, il film segna una svolta per quanto riguarda lo sviluppo dell'immaginario relativo alle macchine: sceneggiare un cortometraggio è un'attività che prevede una capacità interpretativa e creativa fino ad ora attribuibile solo agli uomini...Leggi di più

  • L’amore negato tra androidi e uomini

    Nel cortometraggio Seam un robot e un umano vivono una relazione amorosa in un contesto a loro ostile: il regime al potere vieta una simile relazione ibrida, imponendo la distruzione dell'androide. I due innamorati scappano dalla città nel deserto ma non riusciranno a mettersi in salvo...Leggi di più

Timeline

1970
1970

Animare le statue

Talo è una delle creature mitiche nate da Efesto

Animare gli oggetti, in particolare quelli di forma umana, è una pratica che risale ai culti antichi, probabilmente originatasi ancor prima della comparsa della civiltà. Secondo la teurgia egizia, babilonese e greca era possibile far risiedere un dio all'interno di una statua, così da poter avere uno scambio diretto con esso...Leggi di più

1970

Le ancelle d’oro di Efesto

Efesto nella sua officina

La mitologia greca presenta numerose creature realizzate come se fossero oggetti per poi essere animate dalla scintilla divina. Efesto forgia sia delle ancelle d'oro che lo aiutano nel lavoro nella sua fucina, sia il gigante Talo, una statua di bronzo animata e posta a difesa di Creta...Leggi di più

1970

Pigmalione nelle Metamorfosi di Ovidio

Pigmalione si innamora della propria creazione e le dà vita

Tra i miti presenti nelle Metamorfosi di Ovidio si annovera anche quello di Pigmalione, scultore che si innamora perdutamente della sua creazione, tanto da chiedere l'intervento degli dei al fine di renderla una donna vera...Leggi di più

1970

Il Golem

Il golem è una creatura mitologica ebraica appartenente alla cultura rabbinica medioevale. Secondo la tradizione, la materia inerte può essere animata, esattamente come nella Genesi, tramite formule cabalistiche, dando vita ad una creatura dotata di forza sovrumana impiegabile dal rabbino come aiutante...Leggi di più

1970

Gli automi arabi

L'ingegneria araba raccoglie una lunga tradizione che ha origine tra Alessandria d'Egitto e la Grecia

Gli automi presentati da Al-Jazari nel Libro della conoscenza dei meccanismi ingegnosi sono la testimonianza di una cultura tecnica antica, i cui frutti sono opere ingegneristiche di estrema raffinatezza, generalmente pensate per allietare i banchetti dei principi...Leggi di più

1970

L’automa-cavaliere di Leonardo

Il progetto di Leonardo aveva l'obiettivo di dissuadere i nemici ad attaccare la città

L'automa di Leonardo da Vinci fu progettato per confondere i nemici durante tentativi di assedio delle città. La scocca dell'automa era infatti un'armatura da cavaliere che, mossa dal meccanismo interno, era indistinguibile da un militare in carne ed ossa se vista da lontano...Leggi di più

1970

Gli automi dei giardini barocchi

I giochi meccanici mossi dall'acqua saranno di ispirazione per Cartesio per riconfigurare la cultura scientifica del corpo umano.

Nei giardini che in età barocca attorniavano le ville dei signori venivano spesso inseriti automi mossi dalla forza dell'acqua. Le fontane in particolare venivano arricchite con figure animate che servivano a creare stupore negli aristocratici visitatori.  ..Leggi di più

1970

Gli automi di Jacques de Vaucanson

Vaucanson realizzò tre automi che ebbero grande successo

Jacques de Vaucanson costruì tre automi che segnarono profondamente l'immaginario del tempo. Si trattava di un suonatore di tamburo, un flûteur (flautista) e una papera meccanica in grado di nutrirsi e digerire. Il flûteur stupì particolarmente gli scienziati perché riproduceva il movimento delle labbra e della lingua tipico dei suonatori di flauto traverso...Leggi di più

1970

Il turco meccanico di von Kempelen

Il turco meccanico di von Kempelen era un automa scacchista realizzato per Maria Teresa d'Austria

Il barone von Kempelen realizzò un automa scacchista in grado di giocare partite perfette contro avversari reali. Durante una tournée in America però fu scoperto il trucco: l'automa era comandato da un uomo nascosto all'interno della scocca...Leggi di più

1970

Gli automi della manifattura Jaquet-Droz

I tre automi ebbero un grande successo di pubblico per tutto il XVIII e XIX secolo

Gli automi della manifattura svizzera Jaquet-Droz sono tra i più complessi mai realizzati essendo in grado di replicare capacità e movenze umane in modo estremamente accurato: dallo scrivere, al disegnare, al suonare l'organo...Leggi di più

1970

Creatura e creatore

Frankenstein di Mary Shelley è uno dei romanzi che tratta la relazione tra creatura e creatore.

L'opera di Mary Shelley Frankenstein; or, the modern Prometheus è tutt'oggi considerata una delle vette più alte del romanzo gotico, in quanto in grado da una parte di incidere profondamente sull'immaginario, dall'altra di trattare le più profonde motivazioni dell'essere umano, tra "macchina organica" e libero arbitrio...Leggi di più

1970

C’era una volta…

Le avventure di Pinocchio è una delle narrazioni più autentiche dell'Italia post-unità

Pinocchio, il burattino protagonista del racconto di Carlo Collodi, passa dall'essere una semplice scultura di legno ad essere un bambino in carne ed ossa, realizzando il sogno del suo creatore. Nel romanzo si riprendono evidentemente topoi antichi, integrandoli con un fitto apparato simbolico appartenente alla fine del XIX secolo...Leggi di più

1970

La messa in scena di R.U.R. di Karel Čapek

La piece teatrale del drammaturgo Karel Čapek segna definitivamente l'immaginario relativo alla servitu automatizzata

Il termine "robot" acquisisce l'accezione odierna a partire da una piecée teatrale del drammaturgo ceco Karel Čapek, che così chiamò la servitù meccanica presente nella sceneggiatura. In lingua ceca il termine significa "lavoro forzato"...Leggi di più

1970

L’androide Maria in Metropolis

Metropolis presenta il tema dell'androide reso indistinguibile dagli uomini. Addirittura il robot dalle sembianze di donna riesce ad ammaliare gli uomini danzando con vesti succinte, diventando un efficace strumento di dominio per l'élite al potere...Leggi di più

1970

Le tre leggi della robotica di Asimov

Isaac Asimov ha segnato profondamente l'immaginario relativo ai robot grazie ai suoi romanzi.

I romanzi scritti da Isaac Asimov hanno avuto e continuano ad avere un forte ascendente sugli studi di robotica. Per quanto le sue narrazioni appartengano alla fantascienza, le conoscenze scientifiche dell'autore e la sua affascinante visione del futuro hanno fatto emergere problematiche concrete relative alla diffusione dell'automazione e della robotica, tra le quali la necessità di dotare queste macchine sociali di un codice etico...Leggi di più

1970

Robby

Ne Il pianeta proibito il robot Robby rispetta le tre leggi date da Asimov

Il robot protagonista del film Forbidden planet (Il pianeta proibito) è il servitore fedele del proprio padrone. È programmato per non infrangere le tre leggi della robotica codificate da Asimov, motivo per il quale sarà completamente messo fuorigioco nel momento decisivo della trama...Leggi di più

1970

Il robot antropomorfo in televisione

L'episodio The Lonely, scritto da Rod Serling, presenta la problematica relativa alla mimetizzazione del robot con gli uomini

L'episodio The Lonely della serie televisiva americana The Twilight Zone (Ai confini della realtà) si interroga sulla condizione di solitudine estrema che spetta al protagonista e su come la presenza di un androide migliori la sua vita. L'effetto collaterale di questa convivenza tra l'uomo e l'androide sarà l'impossibilità da parte del primo di considerare il secondo una semplice macchina...Leggi di più

1970

Unimate: il primo robot industriale

Il primo robot industriale ideato da George Devol segna l'inizio della realizzazione del sogno

L'Unimate è considerato il primo robot realizzato: si tratta di un braccio meccanico in grado di svolgere diverse funzioni in perfetta autonomia, velocizzando la produzione industriale. Da questo momento in poi lo sviluppo dei robot industriali e dei service robot avrà concretamente inizio, mettendo in relazione l'immaginario preesistente con la realtà dei fatti...Leggi di più

1970

Il primo robot dell’animazione giapponese

Il Giappone possiede una lunga tradizione di automi e robot di cui i manga e le serie animate sono il frutto più recente

Tetsujin Nijūhachi-gō è il primo fumetto giapponese che ha per protagonista un robot gigante, trasformato successivamente in una serie televisiva. Lo scontro tra colossi meccanici diventò uno dei soggetti più diffusi sia dei fumetti che delle serie animate giapponesi, diventando un prodotto di grande successo internazionale...Leggi di più

1970

Chi ha paura di HAL 9000?

HAL 9000: il "cattivo" del film è un robot.

Stanley Kubrick propone un'importante riflessione sul potere dei sistemi automatizzati in 2001: A Space Odyssey (2001: Odissea nello spazio): HAL 9000, il computer umanizzato che gestisce tutta la stazione spaziale si trasforma in uno spietato killer che progressivamente elimina tutto l'equipaggio, ritenendolo non all'altezza della missione...Leggi di più

1973
1973

Essere scambiato per un robot

Nella commedia fantascientifica di Allen è un umano che si traveste da uomo per sfuggire alla cattura

Woody Allen nel suo celebre film Sleeper (Il dormiglione) è costretto a travestirsi da robot per rimanere in incognito. In realtà il travestimento si rivelerà un'arma a doppio taglio, in quanto la "vita da robot" risulterà estremamente rischiosa per un uomo!..Leggi di più

1973

Il primo robot umanoide: il WABOT-1

La sperimentazione iniziata nel 1970 portò alla realizzazione del primo robot umanoide nel 1973

Il WABOT-1 è considerato il primo robot umanoide della storia. Sviluppato in Giappone presso l'Università di Waseda, il WABOT-1 era in grado di vedere, ascoltare, parlare, camminare ed afferrare oggetti, oltre a comprendere la propria posizione nello spazio...Leggi di più

1977
1977

Una perturbazione nell’immaginario: i robot di Star Wars

I robot D-3BO e C1-P8

Nella saga di Star Wars (Guerre Stellari) i robot sono una presenza costante: droidi e androidi affollano gli spazi futuristici in cui la trama si dipana, mostrando caratteri e comportamenti umani. Due robot in particolare saranno a fianco dei protagonisti, aiutandoli nelle loro imprese e rimanendo così nell'immaginario comune...Leggi di più

1980
1980

Un immaginario tutto europeo: Io e Caterina

Io e Caterina è tutt'oggi uno dei pochi film italiani che affronta l'avvento dei robot

Io e Caterina è stato uno dei pochi tentativi cinematografici italiani di cimentarsi con la tematica dei robot. L'inserviente robotica acquistata dal protagonista si rivelerà gelosa del suo padrone, giungendo all'estremo di utilizzare la sua forza sovrumana per tenerlo sotto scacco...Leggi di più

1982
1982

Uomo o replicante?

Il nocciolo della trama di Blade Runner ruota sulla indistinguibilità tra umani e replicanti.

Nella pellicola Blade Runner l'antropomorfismo dei robot è mimetico, rendendoli perciò indistinguibili dagli uomini, tanto da essere chiamati "replicanti". Nel gioco di specchi che si instaura tra macchine e uomini il confine tra i due si perde, lasciando nel finale sospeso il dubbio che nessuno dei personaggi coinvolti nella vicenda sia umano...Leggi di più

1984
1984

La pubblicità che ha cambiato la storia

Uno degli spot più influenti della storia della pubblicità è quello relativo alla commercializzazione del Personal Computer di Apple

Durante il Super Bowl del 22 gennaio 1984, Apple fece trasmettere lo spot realizzato da Ridley Scott per promuovere il primo Personal Computer pensato per il mercato di massa. La simbologia della narrazione, il riferimento al romanzo di Orwell e gli avvenimenti storici di quel periodo resero il breve video un vero e proprio snodo storico della fine del XX secolo...Leggi di più

1999
1999

La matrice

Uno dei film che ha più influenzato l'immaginario relativo al rapporto tra macchine e uomini.

Nella trilogia di The Matrix l'intera realtà in cui vivono le persone è illusoria: è una sorta di realtà virtuale generata dalle macchine per sfruttare l'energia bioelettrica umana. Nella guerra tra robot e uomini quest'ultimi si battono deliberatamente per riacquisire la propria libertà, nonostante ciò significhi svegliarsi da un sogno per fare i conti con una realtà da incubo...Leggi di più

1999

Il robot che vuole diventare uomo

La trama del film di Columbus è basata sul romanzo di Asimov.

Bicentennial Man (L'uomo bicentenario) di Chris Columbus ribalta completamente la prospettiva, mettendo al centro un robot maggiordomo che progressivamente si trasforma in un uomo. In realtà il robot si trova a vivere una vita molto più lunga degli umani, vedendo scomparire le persone a lui care...Leggi di più

2002
2002

La donna perfetta, sul computer

La donna perfetta viene creata sul computer dal protagonista.

Nel film S1m0ne la donna perfetta non è più creata scolpendo la pietra, modellando l'argilla o stendendo il colore: è programmata al computer e vive nella realtà parallela della rappresentazione. Il suo creatore, più che innamorarsene, ne diventa dipendente poiché gode dei frutti del fantasma che ha generato...Leggi di più

2004
2004

Un robot contro i robot

I, robot è tratto da un romanzo di Asimov che reintepreta il tema della rivolta dei robot

In I, robot (Io, robot) la rivolta delle macchine in realtà è un modo per proteggere l'uomo da se stesso, instaurando un regime gestito da macchine iper-intelligenti, di fatto radicalizzando il codice etico dettato da Asimov. La libertà degli uomini sarà riconquistata per l'appunto grazie all'aiuto di un robot svincolato dai comandi dell'Intelligenza Artificiale centralizzata...Leggi di più

2005
2005

Chi ha bisogno di un androide paranoico?

In Guida galattica per autostoppisti il robot Marvin è affetto da depressione ed è quasi del tutto incapace

Nel film The Hitchhiker's Guide to the Galaxy (Guida galattica per autostoppisti) l'androide Marvin sembra essere il contrario del robot comunemente immaginato: Marvin è completamente paralizzato dalle sue paranoie, risultando in definitiva uno strumento del tutto inutile...Leggi di più

2008
2008

Un robot in casa Disney Pixar

Il robot protagonista di Wall•E possiede una personalità e una capacità di esprimere sentimenti appartenenti più all’umano che al mondo delle macchine. È proprio la sua capacità empatica che porterà allo scioglimento finale...Leggi di più

2015
2015

Peccati di onnipotenza

In Ex machina il robot in sperimentazione riesce a sedurre e manipolare uno dei due ricercatori, aprendosi una via di fuga dal laboratorio. La perfetta mimetizzazione con l'umano garantita al robot dalla scocca fa sì che l'androide si confonda nella massa di persone di una grande metropoli contemporanea...Leggi di più

2016
2016

La prima AI regista

Sunspiring è stato il primo cortometraggio pensato da una AI e presentato allo Sci-fi Short film 2016. Nonostante la trama non abbia a che fare con i robot, il film segna una svolta per quanto riguarda lo sviluppo dell'immaginario relativo alle macchine: sceneggiare un cortometraggio è un'attività che prevede una capacità interpretativa e creativa fino ad ora attribuibile solo agli uomini...Leggi di più

2017
2017

L’amore negato tra androidi e uomini

Nel cortometraggio Seam un robot e un umano vivono una relazione amorosa in un contesto a loro ostile: il regime al potere vieta una simile relazione ibrida, imponendo la distruzione dell'androide. I due innamorati scappano dalla città nel deserto ma non riusciranno a mettersi in salvo...Leggi di più