Posted by on marzo 30, 2016

L’intervento di Luca Toschi su Il Sole 24 Ore di domenica 21 febbraio 2016 dal titolo Sempre meno cooperative, mette a fuoco un tema molto delicato circa i mutamenti che stanno vivendo le imprese cooperative che riguardano, soprattutto, le peculiarità culturali e organizzative che le rendevano aziende diverse e che, secondo Toschi, vanno progressivamente indebolendosi.

L’occasione è stata la recensione del libro di Tito Menzani Cooperative: persone oltre che imprese. Risultati di ricerca e spunti di riflessione sul movimento cooperativo. Ricercatore di Storia economica e di Storia dell’impresa all’Università di Bologna, allievo di Stefano e Vera Zamagni, studia il movimento cooperativo collaborando con associazioni, organizzazioni, centri di ricerca e istituzioni.

***

In questo volume, Menzani ha raccolto anni di ricerche sul movimento e sul sistema delle cooperative, tentando di tracciare il profilo dell’attuale impresa cooperativa e facendone emergere punti di forza e criticità.
Toschi, nella sua recensione, evidenzia con forza le enormi potenzialità di questa tipologia di impresa nel poter costruire un sistema produttivo basato sui principi della mutualità e della partecipazione, nell’ottica di un progetto comune di sinergia tra le imprese e il territorio,

lavoratori e utenti legati dalla comune battaglia per una sostenibilità diversa

a patto che si scelga di non assecondare, anche con la comunicazione, i modelli di impresa e di marketing oggi dominanti. Nell’analisi che emerge dal libro di Menzani, infatti, ciò che è importante è la necessità di andare a riscoprire un’identità sociale più forte e un ruolo, anche formativo, capace di porsi come motore di sviluppo territoriale e partecipativo con i soci che compongono la governance cooperativa e con tutti  gli stakeholder che ruotano o potranno ruotare attorno all’impresa cooperativa.

La copertina del testo Cooperative persone oltre che imprese

La copertina del testo Cooperative persone oltre che imprese

La missione di queste aziende, infatti, non può esaurirsi nel solo obiettivo economico. Essa deve, anche per sviluppare la propria missione sociale, includere una visione di ampio respiro capace di valorizzare le risorse territoriali e creare quelle sinergie con le altre aziende, istituzioni e soci che della cooperativa rappresentano l’identità primaria. La crisi del sistema cooperativo sta proprio, come scrive Menzani, nell’incapacità di

costruire un’identità forte e immediatamente riconoscibile.

Menzani ha lavorato a collaborato con il Communication Strategies Lab portando il proprio contributo all’area di ricerca che riguarda la cultura cooperativa. Un percorso di ricerca che  il CSL ha avviato – attraverso numerose attività – fin dai primi anni Novanta. In uno dei progetti più recenti, Identità mediale di Unicoop Firenzeil CSL ha analizzato la comunicazione interna ed esterna della cooperativa, con l’obiettivo di approfondire l’interazione fra le due anime della comunicazione cooperativa, quella valoriale e quella commerciale. Il progetto ha visto nascere una solida collaborazione con questa cooperativa, una delle realtà leader della grande distribuzione italiana.

Il progetto ha permesso di sperimentare sul campo strumenti di analisi e di monitoraggio (content analysis, questionari, interviste, osservazione partecipante etc.) per evidenziare il modo in cui i messaggi sono veicolati sia all’interno (dai dirigenti ai dipendenti e tra i dipendenti stessi) sia all’esterno (verso i soci, i clienti ma anche i fornitori), attraverso quali canali e, allo stesso tempo, quale visione della cooperativa è percepita dai destinatari (dipendenti, soci, fornitori, la comunità tutta).

A questo proposito, leggi anche…

Identità mediale di Unicoop Firenze

Un progetto di analisi per riprogettare la comunicazione della cooperativa.

Per conoscere questo strumento di ricerca, leggi…

Osservazione partecipante del socio nel punto vendita

Uno strumento di ricerca del CSL sperimentato nell’osservazione dei percorsi di spesa.

A seguito di questa analisi un gruppo di ricercatori del CSL ha seguito da vicino la riprogettazione dei punti vendita di piccole-medie dimensioni, che ha visto come primo caso di sperimentazione il punto vendita di Grassina (Unicoop Firenze- Riprogettazione del layout di punto vendita di vicinato), monitorando tutto il processo fino alla misurazione sul campo dei risultati della progettazione.

A questo proposito, leggi anche…

Monitoraggio della ri-progettazione di un punto vendita cooperativo

Valutazione dei risultati della ri-progettazione di un negozio di vicinato e osservazione della soddisfazione del socio consumatore

Tutto questo perché da anni il CSL sviluppa ricerche e progetti nella convinzione che la natura dell’organizzazione condizioni fortemente la comunicazione, la quale può essere sostenibile solo se è una ‘buona’ comunicazione e, quindi, capace di rappresentare la vision e la mission organizzativa, rafforzando l’azienda stessa, e mettendo a sistema le risorse interne ed esterne. Nel caso di Unicoop Firenze, il processo comunicativo deve necessariamente essere rafforzato in stretta relazione con la dimensione valoriale che la contraddistingue da un’azienda di profitto. La cooperativa deve rafforzare continuamente la propria identità distintiva rispetto alle altre imprese, ponendo attenzione, prima che agli interessi commerciali, al valore della cultura cooperativa e, quindi, ai principi che caratterizzano sia la governance che l’offerta di prodotti: qualità dei prodotti, valorizzazione della produzione locale, tutela dei soci e dei diritti dei lavoratori, socialità e partecipazione sono solamente alcuni esempi.

Come si legge nell’articolo di Toschi:

[…] c’è anche l’altra storia delle cooperative: quella della difficoltà […] di essere se stesse. Di sviluppare la propria identità storica e sociale, la propria cultura in pratiche dove il fare, al di là di enunciazioni, non finisca con l’omologarsi a quello delle altre imprese.

 

Scarica la versione integrale dell’articolo di Luca Toschi Sempre meno cooperative

Posted in: #, Comunicazioni, News
Top