#spaceinvadersIl 17 e il 18 giugno si terrà a Ivrea (To) #spaceinvaders. Luca Toschi interverrà la mattina di mercoledì 18, nel forum intitolato Il patrimonio culturale in un mondo connesso e sempre in trasformazione.

Il focus della sessione riguarda la profonda rivoluzione innescata dai new and social media che coinvolge i processi cognitivi, il modo in cui guardiamo e interpretiamo il mondo. Come aggiornare la  comunicazione culturale? Come ingaggiare nuovi pubblici e, soprattutto, le nuove generazioni nella trasmissione culturale? Quali opportunità di nuova economia nell’incontro tra tecnologia e patrimonio culturale?

Insieme a Luca Toschi interverranno Laura Longo (Responsabile Ufficio Mostre Musei Civici Fiorentini, Manager di Museums and the web), Paolo Ranieri (Studio Karmachina) e Claudio Branca (Storyfactory).

#spaceinvaders 2014

La candidatura Unesco “Ivrea, città industriale del XX secolo”, il Piano di Valorizzazione “Anfiteatro Morenico di Ivrea: paesaggio e cultura” sostenuto dalla Regione Piemonte, il progetto “Le pietre raccontano” promosso dalla Compagnia di San Paolo, la rete museale attivata dall’Ecomuseo AMI e la più recente iniziativa “Ivrea, fabbrica della comunità” sono alcune delle iniziative che in questi anni delineano una sorta di agenda per lo sviluppo territoriale incentrato anche sulle componenti culturali e il patrimonio.

L’iniziativa #spaceinvaders nasce con l’intento di stimolare la riflessione su questi aspetti, nel convincimento che la possibilità che tali processi producano risultati positivi dipende in primo luogo dalla capacità di costruire comunità fertili, di far circolare idee e mostrare prassi, di offrire suggestioni su possibili direzioni.

Avviata nel 2012, all’interno del Piano di Valorizzazione Integrata “Anfiteatro Morenico di Ivrea: paesaggio e cultura” sostenuto dalla Regione Piemonte, con una prima edizione dedicata al tema dei Luoghi della cultura, l’iniziativa #spaceinvaders quest’anno si propone di esplorare il tema del rapporto tra comunità e territorio.

Si parlerà di comunicazione come strumento di marketing territoriale, di storytelling e narrazione, di accessibilità dei contenuti, di audience development, di forme di produzione culturale legate alle tecnologie digitali, di web come ambiente per la sperimentazione di nuove modalità di elaborazione di progetti e di partecipazione.