Open CfGC – Un centro di documentazione generativa sui processi d’automazione e sulla robotica

Venerdì 20 ottobre dalle 11:00 alle 18:00, in occasione della Settimana della sociologia, il Center for Generative Communication apre le porte agli studenti, ai ricercatori e alla cittadinanza: il direttore e i ricercatori del Center presenteranno alcuni dei progetti e delle attività di ricerca più recenti.

Durante la mattinata ci sarà occasione di conoscere e di discutere insieme ad alcuni ospiti qualificati il Centro di documentazione generativa sui processi d’automazione e sulla robotica e il progetto di ricerca sul Content publishing, con un focus sul binomio “verde e robotica”.

Nel pomeriggio chi è interessato potrà venire al CfGC per confrontarsi con i ricercatori e conoscerne meglio gli ambiti di ricerca.

L’Open day si aprirà alle ore 11 con la presentazione e la discussione dell’indagine svolta al Festival Internazionale della Robotica di Pisa sull’impatto sociale dei robot, anche i giornalisti sono invitati a partecipare e a discutere insieme ai relatori i dati emersi dalla nostra indagine.


Scarica il programma della giornata (.pdf)


***

Programma della giornata

***

10:45 | Accoglienza dei partecipanti

 

11:00 | Presentazione e discussione con la stampa dei risultati dell’indagine sull’impatto sociale dei robot condotta presso il Festival Internazionale della Robotica di Pisa

Luca Toschi (Direttore del CfGC, Università di Firenze)

Laura Solito (Prorettrice alla comunicazione interna ed esterna e al public engagement, Università di Firenze)

Pericle Salvini (The Biorobotics Institute, Scuola Superiore Sant’Anna)

 

12:00 | Un content publishing impossibile: verde e robotica

Luca Toschi (Direttore del CfGC, Università di Firenze)

Marco Vieri (Professore di Meccanica agraria, Università di Firenze)

Andrea Massaini (Marketing Manager, Vannucci Piante)

Gianluca Simonetta (CfGC, Università di Firenze)

Ilaria Marchionne (CfGC, Università di Firenze)

 

15:00 | Open CfGC – Il Center for Generative Communication si apre al confronto con gli studenti, i ricercatori e la cittadinanza