Olivi-cultura: l’olio come patrimonio culturale mediterraneo

Il CfGC ha attivato da tempo una serie di ricerche sull’olio EVO, utilizzando il prodotto e il suo processo produttivo – intesi come parti importanti del patrimonio culturale immateriale regionale – in quanto strumenti per studiare il territorio dell’olio come insieme di trame d’interazione, sia dal punto di vista dell’immaginario (simbolico) che del dato fisico e reale.

Le attività di ricerca del CfGC in questa direzione sono partite dalla convinzione che l’olio di oliva non sia solo un alimento che può essere prodotto indistintamente ovunque, tenendo conto dei costi di produzione, della resa e tralasciando il contesto culturale e sociale nel quale il processo produttivo si sviluppa.

L’idea è che l’olio di oliva sia un elemento caratterizzante della cultura e della società, e che come tale vada trattato, anche alla luce delle nuove tecnologie produttive e comunicative che si stanno diffondendo nel settore.

La ricerca

L’interesse di ricerca del CfGC ruota intorno alle attività necessarie per capire se l’olio EVO può essere interpretato come un oggetto comunicativo matrice in grado di attivare relazioni trasversali tra paesi e settori differenti per favorire lo sviluppo del territorio.

Gli obiettivi della ricerca

Obiettivo delle attività di ricerca è quello di confermare il “prodotto olio” al centro dei processi di produzione del valore dei territori coinvolti andando oltre il marketing di prodotto tradizionalmente inteso (comprese le recenti derive esperienziali).

La ricerca del CfGC in quest’ambito si propone di identificare tutto ciò che ruota intorno al mondo dell’olio in termini di cultura materiale e immateriale – e quindi delle diverse identità culturali locali dei paesi del mediterraneo coinvolti – come Oggetti Comunicativi Matrici di comunità legate da storie, racconti, tradizioni, luoghi, memorie simili ma sempre diverse.

Le azioni

Le attività di ricerca si stanno concretizzando nella partecipazione a un bando H2020 in collaborazione con un gruppo internazionale e interdisciplinare di partner provenienti dal mondo della ricerca e dell’impresa.

Per tale motivo non è possibile fornire una descrizione dettagliata delle azioni proposte.

In generale, la proposta prevederà una prima fase di studio (di tipo comunicativo, sociale, economico, ecologico e politico) dei contesti territoriali di riferimento, che affiancherà la progettazione di una strategia avanzata di comunicazione legata agli elementi che emergeranno progressivamente dall’analisi.