Osservatorio > Il Sistema di documentazione generativa (SDG)


L’Osservatorio, per le sue ricerche e consulenze, si avvale di un Sistema di Documentazione Generativa appositamente progettato per raccogliere e strutturare il knowledge analytics.

Il Sistema di Documentazione Generativa, oltre ad essere un indispensabile strumento di gestione della conoscenza utilizzato in ogni progetto dal Center for Generative Communication, è funzionale allo sviluppo di relazioni tra ambiti del sapere solo apparentemente distanti; o considerati e voluti tali dagli anacronistici sistemi di segmentazione del sapere che ancora prevalgono in ambito accademico e professionale. Documentare significa creare le condizioni per favorire delle risposte a precise domande; risposte che una volta ottenute sono destinate inevitabilmente a generare altre domande.

Ogni memoria è selettiva, così come ogni dato porta in sé le ragioni della memoria che lo ha espresso. La memorizzazione elettronica non prescinde certo da questo scenario, perché le macchine sono caratterizzate dalla memoria di chi le ha prodotte: i suoi progetti, le sue aspettative, i suoi interessi, le sue paure, i suoi errori.

Ogni sistema e processo d’automazione è generato da storie che generano altre storie. Questa è la spirale che lega indissolubilmente input e output, domande a risposte, ipotesi a verifiche, supposizioni a riscontri, progetti a realizzazioni, produzione a uso…

Niente è più personale della memoria, niente è frutto di scelte, di strategie, di obiettivi quanto lo è la memorizzazione meccanica alla base di ogni sistema d’automazione.
Ma ne siamo consapevoli? Responsabili?