La ricerca sulla formazione è uno dei principali obiettivi del CSL fin da quando si è costituito nel 2006 presso l’allora Dipartimento di Scienze dell’Educazione e dei Processi Culturali e Formativi.

Social media strategies – il corso

Allo scopo di far dialogare imprese e Istituzioni che si affacciano al mondo dei social media, professionisti del settore che vogliono perfezionare le proprie competenze e giovani in formazione, il CSL ha organizzato nel 2013 la prima edizione del corso di aggiornamento professionale in Social Media Strategies. Strumenti e tecniche. Si tratta di un corso formativo-consulenziale, in cui è possibile per i singoli professionisti affinare le proprie competenze (anche attraverso casi di studio reali) e per le aziende cercare soluzioni per i propri piani di comunicazione e rilanciarsi attraverso l’uso mirato e intelligente dei social media.

Formazione alle LIM

Nel 2006 il CSL ha organizzato il primo corso di formazione in Italia sulle lavagne interattive multimediali (LIM). Dedicato agli insegnanti, il corso – fruibile anche online – ha avuto negli anni uno straordinario successo arrivando a coinvolgere centinaia di docenti ad ogni edizione. Edizioni che via via si sono evolute, arrivando a comprendere negli ultimi anni l’utilizzo didattico di tablet, ebook, device mobili e contenuti digitali. Il corso, la cui ultima edizione si è svolta nel 2012, è stato anche un eccezionale strumento di ricerca che ha permesso ai ricercatori del CSL di entrare in contatto da un lato con centinaia di insegnanti di ogni ordine e grado portatori di vissuti, idee ed esperienze innovative, e dall’altro con ricercatori e professionisti del settore con cui condividere saperi e conoscenze.

Cl@ssi 2.0

Il processo di trasformazione che subisce l’ambiente di apprendimento quando le tecnologie entrano a far parte della pratica formativa è stato approfondito attraverso il progetto Cl@ssi 2.0. Proprio questo, infatti, più che l’aspetto tecnologico in sé, è stato il focus dell’intervento del CSL.

La ricezione della comunicazione generativa nella cultura ispanica

Ultimamente l’applicazione della metodologia della comunicazione generativa in ambiti formativi ha riscosso grande interesse nel mondo spagnolo e ispanico. Infatti, il 14 giugno 2013 si è svolto a Firenze un seminario internazionale su La comunicazione generativa negli ambienti virtuali, cui ha partecipato – tra gli altri – il professor Antonio Medina Rivilla, che ha illustrato l’applicazione della metodologia della comunicazione generativa negli ambienti di apprendimento digitali dell’UNED di Madrid. L’intervento del professor Medina è stato successivamente rielaborato da Arrate Cia e Enrico Bocciolesi.

Il 13 novembre dello stesso anno Luca Toschi ha partecipato in videoconferenza al II Congresso ibero-americano de estilos de aprendizagem, tecnologias e inovações na edução (II Congresso ispano-americano su stili di apprendimento, tecnologie e innovazione nell’educazione), tenutosi a Brasilia dal 12 al 14 novembre. L’intervento di Luca Toschi si è inserito nel contesto della tavola rotonda su Estratégias de Conhecimento e Comunicação na Educação (Strategie di conoscenza e comunicazione) ed ha riguardato proprio il ruolo della comunicazione generativa nella ridefinizione degli ambienti e delle dinamiche di apprendimento.

Pubblicazioni

Toschi, L. (2012), Convergere/Divergere, in Anichini, A. (a cura di), La didattica del futuro, Milano, Pearson Italia

Anichini, A., Boffo, V., Cambi, F., Mariani, A., Toschi, L. (2012), La comunicazione formativa. Percorsi riflessivi e ambiti di ricerca, Milano, Apogeo

Orlandini, L. (2011), Augmented Reality e comunicazione formativa on the job: scenari e prospettive per la formazione medico sanitaria, in «Notiziario Online della Facoltà di Medicina» n. 3, anno IX, Dicembre 2011