Scheda del progetto

Aree d’intervento

Il progetto Santa Croce Comunica ha contribuito alla ricerca del CfGC in maniera trasversale a diverse aree d’intervento

Come cambia il comportamento dei visitatori della Basilica prima, durante e dopo la visita?

La basilica di Santa Croce come hub di community building

Il progetto Santa Croce Comunica ha interessato la basilica di Santa Croce a Firenze, la più grande basilica francescana al mondo. Si è trattato di un progetto di ricerca nell’ambito del quale il paradigma generativo della comunicazione è stato applicato al settore dei beni culturali con l’obiettivo di rafforzare la consapevolezza della comunità dei visitatori e dei turisti.

Obiettivo del progetto era quello di analizzare i flussi di visita alla basilica di Santa Croce per comprendere il comportamento dei visitatori di Santa Croce (oltre un milione all’anno): a tal fine è stato creato uno hub di Content Publishing dove l’analisi della fruizione dei contenuti storico-artistici della chiesa era affiancata ad una profilatura dei turisti sulla base dell’età e delle varie provenienze.

La ricerca

Monitorare i comportamenti dei visitatori

La ricerca alla base del progetto partiva dall’idea che la fruizione di un monumento non rappresenta un momento isolato dal resto del percorso turistico: nella fattispecie, la visita alla basilica di Santa Croce non poteva non essere influenzata dal percorso seguito per arrivarvi, un percorso che attraversa la città di Firenze, con il resto dei suoi monumenti e delle attività ricettive e ricreative che vi sorgono accanto.

Tra i risultati raccolti: preziosi elementi di conoscenza su tutto ciò che i turisti avevano visitato, osservato, ascoltato, mangiato e acquistato prima di entrare in Santa Croce. Un preziosissimo patrimonio di dati che ha permesso di allestire un ambiente di accoglienza modellato sulla domanda dei visitatori e sugli obiettivi delle istituzioni che gestiscono la basilica di Santa Croce.

Le azioni

Un ambiente per rendere fruibili ai turisti contenuti di qualità

Per la conduzione del progetto è stato progettato un sito web dedicato alla Basilica di Santa Croce seguendo un approccio modulato sul paradigma generativo della comunicazione.

Sul sito web è stato, ad esempio, sviluppato un ambiente di preparazione alla visita al cui interno i visitatori potevano trovare una serie di contenuti formativi che avrebbero permesso di fruire il patrimonio culturale di Santa Croce con una consapevolezza molto maggiore.

L’ambiente è stato messo a disposizione delle scuole che intendevano organizzare viaggi di istruzione con metà la Basilica di Santa Croce.

Gli insegnanti potevano trovare in un’apposita area dedicata al progetto, una serie di materiali di cui si sarebbero potuti servire una volta tornati in classe per realizzare delle attività formative di approfondimento e di riappropriazione dell’esperienza realizzata in loco.

Prodotti e risultati

Tra i prodotti che sono stati realizzati nell’ambito del progetto:

Il sito web di Santa Croce: per una fruizione di qualità del patrimonio artistico e culturale della basilica


Il sito internet, se ben sceneggiato, è uno degli strumenti più efficaci per incentivare la fruizione diretta del patrimonio artistico e culturale. Una buona progettazione, infatti, evita l’effetto sostitutivo dell’esperienza in loco tipico dei contenuti online e, anzi, consente di orientare il turista verso una visita di qualità.

Una simile idea di sito internet è stata sperimentata dal gruppo di ricerca per la basilica di Santa Croce.

La necessità a cui rispondeva il sito era in prima istanza quella di fornire le coordinate utili ai turisti per godere a pieno della bellezza della basilica, cogliendone le caratteristiche salienti e riducendo la possibilità di fruirne in modo superficiale.

La valorizzazione del patrimonio culturale custodito nella basilica di Santa Croce per mezzo del sito internet.

Santa Croce Comunica
Home page del sito web della Basilica di Santa Croce