Scheda del progetto

Le nuove tecnologie per la Smart City al servizio della mobilità sostenibile.

Il cittadino al centro delle nuove forme di mobilità

Sii-Mobility (Supporto all’interoperabilità integrata per i servizi ai cittadini e alla pubblica amministrazione) è un progetto Smart City nazionale, co-finanziato dal MIUR in quanto vincitore del bando Smart Cities and Communities and Social Innovation per l’area Trasporti e mobilità terrestre. Il progetto è coordinato dal prof. Paolo Nesi e coinvolge oltre 20 partner di ricerca e industriali. Il CfGC partecipa occupandosi di tutti gli aspetti che riguardano il ruolo dei cittadini: dalle politiche di incentivazione dei comportamenti virtuosi all’analisi dell’usabilità dei servizi offerti, fino all’indagine della percezione di quegli stessi servizi (app, piattaforma di partecipazione e sensibilizzazione, totem) da parte degli utenti.

La ricerca

Le nuove tecnologie per sviluppare le nuove mobilità

Riprendendo il paradigma delle new mobilities sviluppato da John Urry, il progetto mira a indagare come le nuove tecnologie e i big data possano non solo rendere più efficace l’attuale sistema di mobilità, ma aiutarci a progettare prima, e realizzare poi, nuovi paradigmi di mobilità.

Cittadini utenti o cittadini co-progettisti?

Il progetto Sii-Mobility ha al centro la produzione, l’aggregazione, l’interpretazione e la distribuzione di una immensa mole di dati riguardanti la mobilità. Dallo stato del traffico in tempo reale alla mappatura delle piste ciclabili, passando per lo stato del trasporto pubblico locale, i posti liberi nei parcheggi, le condizioni meteorologiche e lo stato dell’inquinamento. I cittadini sono i principali destinatari di queste informazioni, che possono conoscere attraverso le diverse soluzioni previste dal progetto (app, portale web, totem).

La sfida della ricerca consiste nel ribaltare questo rapporto. I cittadini, oltre ad essere produttori più o meno consapevoli dei dati – attraverso i device che costantemente si portano in tasca – e consumatori finali ma passivi, possono assumere un ruolo più attivo, di co-progettisti? Gli utenti sono al servizio del sistema-mobilità o il sistema-mobilità è al servizio del cittadino?

Incentivare la mobilità sostenibile

Uno dei focus principali della ricerca riguarda l’utilizzo delle tecniche di persuasione generativa per incentivare i cittadini a mettere in atto comportamenti di mobilità sostenibile, ad esempio utilizzando il trasporto pubblico al posto del mezzo privato o adottando pratiche di mobilità dolce (muovendosi a piedi o in bicicletta).

Le azioni

Usabilità

Nel progetto Sii-Mobility il CfGC ha la responsabilità di tutte le azioni volte a valutare l’usabilità dei prodotti sviluppati per la cittadinanza: l’app per smartphone, la piattaforma web e i totem (DE6-10).

Per questo ha organizzato, nel marzo del 2017, una prima sessione di usability assessment sull’app, coinvolgendo una trentina di cittadini e numerosi partner di progetto, e ne organizzerà una seconda nel corso del 2018. Analogamente, saranno organizzate nei prossimi mesi attività di valutazione dell’usabilità dei totem e della piattaforma web di sensibilizzazione e partecipazione.

Politiche di incentivazione

Fra aprile e giugno 2018, il progetto Sii-Mobility attiverà una campagna a premi sulle Politiche di Incentivazione che interesserà principalmente gli spostamenti relativi alle città di Firenze, Pisa e Prato.

Lo scopo è quello di individuare la strategia migliore per incentivare un comportamento virtuoso nei cittadini in termini di mobilità e promuovere un cambiamento del comportamento dell’utente attraverso le app (web e mobile) e i totem del progetto.

Percezione delle soluzioni da parte dei cittadini

All’interno del progetto il CfGC si occupa, oltre che delle diverse attività di dissemination previste, della percezione delle soluzioni da parte del cittadino.

Attraverso strumenti e tecniche di ricerca sociale, il gruppo di ricerca monitorerà la risposta dei cittadini all’implementazione proposta dal progetto Sii-Mobility che punta a fornire una soluzione per migliorare l’offerta dei servizi alla cittadinanza nella mobilità e rafforzare, così, i flussi di comunicazione della pubblica amministrazione.

Approfondimenti relativi al progetto

Smart cities e new mobilities

Una progettazione sempre più Human-oriented

Il 2018 è l’anno in cui il CfGC, all’interno del progetto Sii-Mobility, sta analizzando e monitorando da vicino il modo in cui le nuove tecnologie e i big data riscrivono profondamente l’intero sistema di mobilità di una città e di un intero territorio: dalla progettazione alla realizzazione di prodotti e servizi.



Test di usabilità sull’app

Il primo marzo 2017 il gruppo di lavoro ha coinvolto oltre 30 cittadini nella realizzazione di un test di usabilità. Le indicazioni emerse sono state analizzate dal CfGC e condivise con gli sviluppatori, che poche settimane dopo hanno rilasciato sugli store un aggiornamento in cui venivano risolte le criticità riscontrate dagli utenti.

Uno screen dell'App del progetto Sii-Mobility

Uno screen dell’App del progetto con i punti di interesse

Regolamento e strategia di comunicazione per la campagna di sensibilizzazione


Il CfGC ha redatto – insieme al DISIT Lab e con la collaborazione delle aziende del trasporto pubblico locale partner di progetto – il regolamento per la campagna di sensibilizzazione e stimolo dei comportamenti virtuosi che prenderà il via nella primavera del 2018. Contestualmente i ricercatori del Centro hanno ideato e sviluppato una strategia di comunicazione integrata per coinvolgere nell’iniziativa il maggior numero di cittadini nelle tre città in cui si svolge la campagna: Firenze, Pisa e Prato.

***

Piattaforma di sensibilizzazione e partecipazione


Il CfGC ha collaborato con TIME Group S.r.l., Softec S.p.A. e Geoin S.r.l. alla realizzazione della piattaforma di sensibilizzazione e partecipazione, uno dei principali canali di comunicazione previsti dal progetto per condividere con i cittadini, in un’ottica bidirezionale, l’ingente mole di informazioni prodotte (anche in tempo reale) sulla situazione della mobilità.