A cura del gruppo di ricerca del CfGC


Il 13 dicembre Luca Toschi parteciperà a Roma all’evento Agricoltura e cambiamenti climatici: sfide e opportunità organizzato dalla partnership italiana del progetto MACSUR e dal Nucleo di Ricerca sulla Desertificazione dell’Università di Sassari, con il contributo del CfGC e il sostegno del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf). per ribadire la necessità di un paradigma comunicativo che affronti la relazione fra sostenibilità e innovazione in agricoltura, mettendo al centro il dialogo e il confronto costante fra il mondo della ricerca, quello della politica, i settori produttivi e la cittadinanza tutta.

La desertificazione ha inizio quando si “scomunica” l’agricoltura

L’agricoltura e la desertificazione in corso? Il modo più efficace per uccidere l’agricoltura, magari mentre se ne celebrano le grandi potenzialità sociali ed economiche, consiste nell’isolarla, nel farne un problema. Nel presentarla come un mondo che da solo non ce la fa, che per questo ha bisogno di assistenza, di aiuti, pubblici e non. Un’oasi, certo, ma nel deserto. Un luogo idilliaco, di ‘buoni sentimenti’, destinato però a non fare mai sistema. Un luogo dell’economia, della cultura, della socialità ‘scomunicato’ dal resto del sistema.

L’agricoltura sostenibile è solo e sempre una risorsa. E non tanto per la qualità dei prodotti e dei beni che ci offre, ma per i problemi che essa solleva; per il fatto si essere la sentinella della salute del nostro mondo. Una salute non solo fisica, naturalmente.

Per questo quella che il CfGC propone non è una comunicazione che parla di sostenibilità, dispersa e frammentata su diversi fronti, ma una comunicazione che dando un valore di sistema alla sostenibilità riesce a creare e a rafforzare relazioni tra il mondo della politica, della ricerca, delle imprese e dei cittadini, per ricomporre le fratture di un sistema sempre meno resiliente.

Luca Toschi, L’agricoltura scomunicata
Intervento presso l’Accademia dei Georgofili, 31 maggio 2016

Approfondimenti nelle aree d’intervento