A cura del gruppo di ricerca del CfGC


Il 14 dicembre Luca Toschi interverrà al convegno New Sciences and Actions for Complex Cities: Social and Institutional innovation in Self-organising systems, che si terrà a Firenze presso Palazzo Medici Riccardi. L’evento è la conferenza finale del progetto SIPCITY (The Strategic Research Initiative Social Innovation in Practice: city regeneration through co-evolution and networking) ed ha l’obiettivo di avviare il dibattito tra gli studiosi sulla rigenerazione delle città grazie ai nuovi media e alle nuove tecnologie.

L’Oggetto Comunicativo Matrice: uno strumento per l’innovazione complessa

Alcune tra le ricerche più avanzate sulle città contemporanee tendono a paragonarle a organismi viventi estremamente complessi, generati  da interazioni non lineari tra istituzioni, organizzazioni, imprese, attori sociali, enti i più vari; e, quindi, tra settori e scale diverse. Secondo Geoffrey West, che con il progetto Cities, Scaling & Sustainability sta studiando questi aspetti presso il Santa Fe Institute, la città deve essere vista come un corpo alimentato dal sistema di reti delle attività umane.

Per questo motivo, ogni approccio alla città di tipo riduzionistico, pur dando l’illusione di poter risolvere un determinato problema a prescindere dal contesto ampio cui appartiene, non potrà mai avviare un vero e proprio rinnovamento: è impossibile, infatti, pensare ad un’innovazione che non sia di sistema.

Ne consegue una situazione apparentemente irrisolvibile: da una parte l’impossibilità di affrontare il problema della rigenerazione della città misurandosi con le infinite manifestazioni del suo “essere città”; dall’altra la non meno problematica possibilità di sviluppare azioni di analisi, progettazione e intervento per un sistema-città che appare tutto da ridefinire e per il quale non esistono esempi applicabili nel passato.

Il CfGC procede individuando un Oggetto Comunicativo Matrice (OCM) che si caratterizza per la capacità di tessere una fitta trama di relazioni fra l’azione immediata sul particolare e quella sull’intero sistema. Questo significa che, mentre si cerca di realizzare un intervento comunicativo di settore, la scelta del settore stesso e la metodologia adottata nel portarlo a termine mirano all’innovazione della comunicazione dell’intero sistema.

Lezione-intervista di Carlos Alvarez Pereira al CfGC durante la Summer School del Club di Roma,
7-13 settembre 2017

Approfondimenti nelle aree d’intervento