Posted by on ottobre 18, 2015

Lo spazio non ha mai una connotazione neutra, di mero contenitore di azioni soggettive. In quanto ambito progettato e costruito dall’uomo, assume le caratteristiche di ‘luogo’, di porzione di spazio carica di significati storici, sociali e politici: uno spazio simbolico, quindi, che favorisce o ostacola le relazioni, che comunica valori. Questa visione è alla base delle analisi comunicative che il CSL porta avanti per valutare se gli spazi in cui si realizza la mission di istituzioni, imprese e organizzazioni sono coerenti con l’identità di tali realtà e con le relative strategie comunicative.

L’obiettivo dell’analisi degli spazi è quello di valutare l’efficacia comunicativa e la relazione che l’architettura e il design instaurano con la vision, con la mission aziendale e con il progetto comunicativo.

Uno strumento, progressivi approfondimenti

L’analisi comunicativa degli spazi è uno strumento che si basa su diversi e progressivi approfondimenti, ed è strettamente legata alle interviste e all’osservazione partecipante che costituisce la fase di verifica finale: dopo una prima ricognizione sulle linee guida della riorganizzazione comunicativa, sia interna che esterna, l’indagine si concentra sull’analisi dell’architettura e del design, proseguendo con interviste alle figure che hanno svolto ruoli chiave nel processo di progettazione, focus group con i soggetti che lavorano negli spazi in questione, terminando con una fase di analisi sul campo, che verifica la risposta dei fruitori al progetto spaziale.

Architettura, design e comportamento

L’architettura si occupa del progetto dello spazio orizzontale (la distribuzione, la suddivisione delle funzioni, il movimento delle persone, la relazione tra utenti e addetti). Il design, invece, si concentra sulle superfici verticali (l’allestimento, i mobili, le luci, etc.). Entrambe le discipline determinano conseguenze sull’ambiente, da un lato orientando e disciplinando il flusso delle persone, da un altro definendo l’immagine dello spazio: di fatto, influenzano il posizionamento dello spazio ed i valori comunicati attraverso di esso.

A queste prime valutazioni, che costituiscono la descrizione del set, segue la misurazione della coerenza di quanto realizzato con le strategie comunicative dell’ente, attraverso l’analisi del comportamento delle persone (osservate nel set spaziale definito in precedenza).

Posted in: Strumenti