I questionari sono concepiti dal CSL come strumenti di monitoraggio finalizzati alla valutazione della percezione della comunicazione istituzionale di un dato ente da parte della cittadinanza o – più in generale – da parte dei portatori di interesse all’interno di un progetto.
Tramite i questionari è possibile far emergere elementi di valore e criticità in grado di indirizzare concretamente lo sviluppo della strategia di comunicazione.

Il monitoraggio per mezzo di questionari è finalizzato a definire una fotografia della situazione osservata o a valutare l’evoluzione del fenomeno in un dato periodo . Il lavoro del CSL nell’analisi dei risultati non si limita alla raccolta di opinioni, ma considera come dati influenti altri fattori che aiutano ad analizzare il sentiment degli intervistati in relazione ai processi decisionali dell’ente in questione.
L’elaborazione dei questionari e la selezione del campione di intervistati da parte del CSL partono sempre da un lavoro di analisi sviluppato nelle fasi precedenti del progetto.

Partendo dal presupposto che la ricerca si basa sulla lettura del questionario e dell’intero processo comunicativo come fosse un “testo” da interpretare, successivamente alla valutazione delle risposte, il CLS indaga la relazione tra gli intervistati e il questionario inteso come strumento attraverso il quale esprimere la propria opinione. Al fine di indagare l’atteggiamento degli intervistati nei confronti dell’ente sotto osservazione, sono valutati alcuni elementi relativi alla compilazione del questionario non riconducibili alle domande stesse bensì all’effettiva partecipazione di ciascun intervistato al processo di analisi rappresentato dal questionario: l’indagine riguarda quanto e come sono espresse le diverse opinioni, quanto interesse è espresso rispetto ai diversi temi e, quindi, quanto ciascun intervistato dimostra di saper partecipare ed essere parte di un sistema.

L’ente oggetto di analisi ed i possibili intervistati, infatti, sono coinvolti fin da subito nel processo di strutturazione dei questionari, attraverso riunioni in presenza e l’organizzazione di un apposito ambiente di condivisione online per sviluppare un percorso partecipato in grado di rispondere alle esigenze del committente e far emergere quegli elementi di conoscenza nuovi capaci di tras-formare e ri-progettare la comunicazione esterna e l’organizzazione interna.