Il primo episodio di Star Wars (Guerre Stellari) del regista George Lucas è stato d’ispirazione non soltanto per artisti e scrittori ma anche per gli sviluppatori e i ricercatori del campo della robotica. In effetti i due robot D-3BO e C1-P8 sono diventati due icone del cinema di fantascienza, soprattutto per il loro comportamento umanizzato: in più di una occasione infatti mostrano una sensibilità, una capacità emotiva che, oltre a conquistare il grande pubblico, hanno proiettato la ricerca e lo sviluppo tecnologico verso un futuro in cui la comunicazione uomo-macchina è la stessa, in caso soltanto aumentata o diminuita, di quella uomo-uomo.